La commissione della sanità del consiglio nazionale vuole limitare la libera scelta del medico


Il 12 maggio 2017 la Commissione della sanità del Consiglio nazionale (CSSS-N), presieduta dal Dr. Ignazio Cassis, ha espresso, tramite comunicato stampa, il proprio malcontento per il fatto che il Consiglio federale stia andando nella direzione di mantenere l’attuale sistema di gestione strategica delle autorizzazioni anche dopo la scadenza della moratoria, limitandosi ad affinarlo. La CSSS-N ha così adottato a larga maggioranza un’iniziativa, che chiede un rafforzamento dell’autonomia contrattuale. Secondo la maggioranza della CSSS-N i fornitori di prestazioni devono poter operare a carico della LAMal soltanto se concludono un contratto di autorizzazione con un assicuratore. L’ASMAC e la FMH hanno immediatamente fatto sapere di respingere nella maniera più assoluta questa impostazione pubblicando il comunicato congiunto che vi riproponiamo qui di seguito.