Recente articolo del nostro presidente sul CdT

Di sanità, di qualità e di errori medici

La recente divulgazione mediante stampa di un errore medico che ha portato ad una mastectomia errata, ha riacceso i riflettori sugli errori commessi negli ospedali ticinesi aprendo il dibattito sulla sicurezza e la qualità nei nostri nosocomi. In queste mie righe non entrerò nel merito della vicenda sulla quale indagano gli organi competenti, ma esporrò alcune criticità, peraltro non tutte tipicamente ticinesi, su cui è bene riflettere.

Vanno distinte innanzitutto le complicanze che subentrano naturalmente in una percentuale statisticamente definita e che possono aggravare lo stato di salute del paziente. Gli errori veri e propri si distinguono in errori dell’arte e in errori procedurali. Se per i primi fondamentale risulta la preparazione e la competenza dell’attore sanitario, per i secondi, più frequenti, fondamentale risulta essere la linearità procedurale nonché la comunicazione e l’interazione tra l’equipe che si prende a carico il paziente e non da ultimo con il paziente stesso.

Prendendo spunto dalla vicenda del Sant’ Anna, ha fatto discutere il ritardo con la quale la vicenda è venuta alla luce, sintomo di un’omertà latente e frutto di una mancanza della cultura dell’errore, che, per forza di cose, deve essere inculcata nella mente di qualsiasi operatore sanitario. Difatti, soltanto attraverso una segnalazione tempestiva di criticità o eventi avversi, si può risalire alla causa primaria dell’errore dando così la possibilità di correggere procedure o inserire controlli sistemici atti ad evitare il reiterarsi di situazioni che determinano un importante aumento di morbidità e mortalità potenzialmente evitabile. Gli ospedali ticinesi si stanno muovendo in questa direzione e le nuove generazioni sono più propense ad operare in questo modo cooperando con i “team qualità” che si adoperano analizzando i casi segnalati che, va detto, normalmente hanno portata decisamente inferiore rispetto al recente caso ma che si prestano proprio a correggere procedure ed evitare eventi avversi maggiori. Come dire che la prevenzione che ne risulta è fondamentale.

Sono di carattere preventivo anche le misure che possono determinare una diminuzione degli errori dell’arte. Agendo sulla qualità della formazione di medici ed infermieri si può aumentare la professionalità e la preparazione tecnica nei nostri ospedali. Aumentando i posti di formazione in Ticino per medici (master in medicina umana) e infermieri (scuola universitaria professionale) si possono coprire posti di lavoro pregiati con manodopera autoctona e proiettata da subito in una realtà che si conosce meglio. Rispettando la legge federale sul lavoro che permette un massimo settimanale di 50 ore di lavoro si disporrebbe di personale medico sempre fresco e non affaticato. Considerando il lavoro part-time si permetterebbe di reintegrare 3000 donne medico che attualmente in Svizzera non possono o riescono a lavorare, sperperando quindi un patrimonio di risorse umane, di conoscenze e di investimento formativo quantificabile in un 1,5 miliardi di franchi.

Non da ultimo attraverso lo strumento della pianificazione ospedaliera si pongono le basi, non solo di un sistema sanitario efficiente, ma anche di un sistema sanitario correttamente distribuito sul territorio, che accentri le specialità e che sia capillare nella medicina e chirurgia di base. Situazione ideale che sarebbe concretamente sinonimo di qualità.

Come dire, di lavoro ce n’ è molto ma in tanti ci stanno lavorando. Da chi lavora nei nostri ospedali, si deve alzare forte il coro che il treno per Zurigo non è, o non deve essere più, il miglior medico o la miglior cura per il paziente ticinese. Io ci credo ma ci credono soprattutto i pazienti stessi. Voi che, secondo il rapporto qualità EOC 2013, nella misura di 9/10 rifareste lo stesso percorso terapeutico nei nostri ospedali.

 

Simone Ghisla
Gran Consigliere PPD
Presidente Associazione Medici Assistenti e Capi Clinica Ticino

Articolo CDT